mercoledì 31 dicembre 2014

Tag: Liebster Award

Mi ritrovo inaspettatamente a dover rispondere ad una nomination.  Mi sembra impossibile essere stata nominata,  perché il mio blog è nato da poco e non credevo avesse ancora abbastanza seguito per ricevere una nomination, eppure, questo tag è nato proprio per dare un pò di visibilità a chi  ha meno di 200 followers.
A nominarmi è stata Scikkissima blog che ringrazio tantissimo. Per non dilungarmi troppo, vi scrivo di seguito le regole da seguire e poi domande e risposte.
- Ringraziare il blog che ti ha nominato
-Rispondere a 10 domande
-Nominare 10 blog con meno di 200 followers
-Comunicare ai blog la nomination


1) Perché hai aperto un blog? 
  Ho aperto questo blog per confrontarmi con altre persone e capire se la mia passione per trucchi e cosmetici poteva essere condivisa ed apprezzata.
2)Ci parli un pò delle tue passioni? 
  Le mie passioni,  come si dovrebbe capire dal blog,  ruotano molto intorno al mondo della bellezza personale: trucco,  capelli,  creme.. ecc.
3) Quanto pensi che i commenti e le interazioni siano utili per un blogger e in che modo? 
  I commenti e le interazioni sono quello che fa migliorare un blog,  senza non saprei orientarmi su quello che può interessare chi mi segue o capita per caso nel mio blog.
4) Di cosa parli nel blog? 
  Non vorrei ripetermi all'infinito e poi mi sembra chiaro già dal nome del blog.
5) Hai creato un rapporto di amicizia con altre blogger?  Vi siete mai conosciute personalmente? 
  Al momento non ho ancora conosciuto personalmente altre blogger,  ma non escludo che accada più avanti.
6) Come immagini il tuo blog tra due anni? Vorresti vederlo crescere/cambiare in che modo? 
  Sarei ipocrita se dicessi di no, è ovvio che desidero che il mio blog cresca, cerco di lavorarci il più possibile anche per questo, ed è ovvio che se ci sarà una crescita ci saranno anche dei cambiamenti.
7)Cosa sai fare meglio? 
Non c'è una domanda di riserva?  Non saprei... nell'ambito del blog,  forse,  scrivere, descrivere prodotti...
8) Quanto tempo dedichi al blog? 
  Dedico al blog più tempo possibile,  ovviamente,  lavoro permettendo.
9) Come nascono i tuoi post? 
   I miei post nascono da ispirazioni che possono manifestarsi improvvisamente o da discorsi più ragionati che mi piace approfondire con chi mi segue,  nascono in seguito all'uso di prodotti che desidero far conoscere per avere dei pareri in positivo o in negativo.
10) Un saluto a chi legge? 
   Se avete avuto la pazienza di arrivare all'ultima risposta, allora,  grazie. Un saluto che mi auguro sia un arrivederci. A presto.

 Adesso tocca a me nominare.

1)Debby's Pie
2)Makeup in love blog
3)Lo dico,  lo faccio
4)Il blog di Puffpuffgirl
5)Deborah Pensieri
6) Beauty lipstick
7)Le jarddin de monde beaute'
8)Facimmc doie chiacchiere
9)A fish flavoured apple
10) Essence de vanille

mercoledì 17 dicembre 2014

Clinique Moisture Surge: la mia crema viso

Credo di non avere ancora scritto un post su una crema viso, ma questa merita particolarmente,  è la mia preferita in assoluto.
Prima di entrare nei dettagli,  credo sia il caso di descrivervi brevemente la mia pelle,  giusto per capire se è un prodotto che può fare al caso vostro.  Diciamo che ho una pelle normale,  tendente al sensibile,  con qualche rossore che salta fuori soprattutto con gli sbalzi di temperatura, ma senza grandi problemi di brufoli o simili. Ma nonostante ciò,  non amo le creme troppo ricche, mi piace che si assorbano in fretta soprattutto prima del trucco e devo dire che con questa crema ho tutto quello di cui ho bisogno.


La consistenza è quella di un gel,  è leggera, velocissima da far assorbire, perfetta al mattino, quando spesso si è di corsa, ci si può truccare subito dopo senza problemi di creare macchie sul viso. Eppure nonostante l'apparenza così leggera è una crema che idrata la pelle al punto giusto,  io soprattutto nella stagione invernale uso la versione intense che è indicata per pelle da molto secca a mista.
Trovo che la pelle rimanga morbida ed idratata per tutto il giorno,  non lucida e non mi ha mai causato impurità.
Ho piu' volte provato a cambiare,  a sostituirla con altre, ma da quando ho cominciato ad usarla,  nessuna crema mi sembra al suo livello. Se proprio volessi trovarle un difetto potrei dire che vosta un pochino, ma, certo è una crema Clinique,  eppure anche a questo piccolo difetto hanno trovato una soluzione,  perché di tanto in tanto mettono in vendita la versione da 30 ml o dei piccoli set con altri prodotti in formato mini, in modo da poter dare la possibilità di provarli a chi non li conosce.
Per quanto riguarda il prezzo la versione da 50 ml costa intorno ai 40 euro, quella da 30 ml che ho appena ricomprato da Sephora l'ho pagata 18,90 (in verità un pochino meno perché avevo uno sconto del 20%).
Non saprei cosa aggiungere,  io ve la consiglio,  se la conoscete fatemi sapere cosa ne pensate,  o se conoscete altre simili, consigliatemi pure, mi piace provare nuovi prodotti anche perché trovo che la pelle non vada mai abituata all'uso dello stesso prodotto,  altrimenti questo perde di efficacia.

lunedì 15 dicembre 2014

Prodotti non più prodotti #2

Come vi avevo detto ogni mese cercherò di pubblicare un post dedicato ai prodotti che le case cosmetiche non producono più,  nonostante piacessero.
Eccoci quindi al secondo post di questo tipo.
Questo mese voglio parlare di due prodotti make up. In primis un eyeliner,  supereconomico ma molto efficace.
Questo in gel del marchio Essence.
 Questa casa cosmetica sta riscuotendo negli ultimi anni un grande successo, soprattutto tra le giovanissime, proprio perché propone sempre cose carine a prezzi accessibili e periodicamente riesce a creare prodotti molto validi. Il difetto che,  però,  spesso ha è quello di eliminare dei prodotti anche piuttosto amati.
Questo è proprio uno di essi, un eyeliner in vasetto da utilizzare con un pennellino,  molto bello e a lunga tenuta.  Io sto finendo l'ultima confezione,  lo uso ogni giorno sulla rima inferiore degli occhi.
Ho già adocchiato un paio di alternative ma se avete suggerimenti sono sempre ben accetti.
Il secondo prodotto è una palette di ombretti che adoro, di Make Up For Ever.


Per chi non lo conoscesse si tratta di un marchio professionale,  è venduto in esclusiva da Sephora o a Bologna a La Truccheria,  che oltre a vendere questi prodotti organizza corsi di trucco di vari livelli.
È una palette che è stata messa in vendita in edizione limitata,  è dedicata allo smoky eyes ma io la trovo molto versatile perché contiene dei colori basici che permettono di realizzare make up diversi tra loro e il formato della palette è comodissimo da tenere sempre con se, in borsa o in viaggio.  Se non erro era uscita circa due anni fa e a distanza di un anno era stata nuovamente messa in vendita sempre per un periodo limitato.  Io spero che un giorno la inseriscano nella linea permanente perché anche se non costava poco è valsa tutti i soldi spesi. Gli ombretti sono belli, di alta qualità,  pigmentatissimi e a lunga durata. È tra le mie palette preferite.
Fatemi sapere se la conoscete o se ci sono altri prodotti che avete amato e non fanno più.

venerdì 5 dicembre 2014

Decolorazione: fatta da mani esperte non fa paura.. altrimenti. .

Scrivo questo post dopo essere rimasta inorridita da quanto ho visto nel servizio mandato in onda dalla trasmissione Le Iene riguardante una ragazza che si è recata tempo fa a fare una decolorazione dei capelli da un parrucchiere cinese.
Se qualcuno non lo avesse visto vi invito ad andare sul loro sito e cercare il servizio di Nadia Toffa. C'è da non credere ai propri occhi, ma è bene essere informati.
Ci sono cose su cui non bisogna scherzare,  la salute del nostro corpo,  sia internamente che esternamente è importantissima.
Non dovremmo mai farci ingannare  da offerte a prezzi stracciati di trattamenti  estetici che, oltretutto, spesso si rivelano ingannevoli.  Bisogna fare molta attenzione prima di metterci nelle mani di persone che non conosciamo,  che come nel caso dei cinesi, sono molto spesso lavoranti improvvisati.
Per entrare nello specifico della situazione,  nel servizio si occupano di un trattamento di decolorazione.
La decolorazione non è un trattamento che deve fare paura,  sono le mani e l'esperienza di chi lo mette in pratica a fare la differenza.
Decolorare i capelli significa andare a togliere pigmenti di colore in essi contenuti per raggiungere un certo grado di schiaritura.
Esistono diverse tecniche per ottenere i risultati che vogliamo,  alla base di tutto rimane, sempre la salute dei capelli.
Un professionista serio potrebbe anche sconsigliarvi di farla se i vostri capelli fossero già trattati o indeboliti.
I prodotti che vengono miscelati per decolorare i capelli sono polvere decolorante ed ossigeno.
A fare la differenza sulla schiaritura da ottenere sono i volumi dell'ossigeno e i tempi di posa.
Troppo spesso sento di persone che si credono capaci di poter fare queste operazioni da sole a casa, facendosi al massimo aiutare da un'amica. Io ve lo sconsiglio,  non è affatto semplice,  bisogna essere in grado di tenere conto se il colore da schiarire è naturale o ottenuto con una tintura (non fa differenza se del vostro  stesso colore naturale, sono comunque capelli tinti), c'è da valutare se tra radice e lunghezze dei capelli c'è ricrescita,  se sono capelli già decolorati ed una miriade di fattori che da sole sottovalutereste.
Cercate sempre di rivolgervi a persone competenti per fare questo tipo di trattamenti.
Non voglio scagliarmi solo contro i cinesi, ma contro chiunque esegua lavori come quello che è stato fatto alla ragazza che ho visto in tv. Lei ha riportato dei danni irreversibili a causa di mani inesperte e non professionali. È finita in un incubo perché questi pazzi per velocizzare la cosa le hanno ricoperto la testa con il cellophane (si, la pellicola che si usa in cucina) scatenando una vera e propria reazione chimica,  praticamente una bomba, lei sentiva bruciare la testa ma l'hanno ignorata, quando le hanno scoperto la testa ha visto del fumo tra i suoi capelli,  non oso immaginare lo spavento.
Purtroppo la parte più brutta è arrivata dopo, quando il giorno seguente a casa, facendosi pettinare sono venute via ciocche di capelli e non solo,  il cuoio capelluto le è stato bruciato,  c'è un punto della sua testa ridotto a carne viva ed osso.
Si, perché,  altro errore,  hanno applicato il prodotto a contatto con la cute.
Per un lungo periodo ogni giorno dovrà ricorrere a medicazioni ospedaliere e solo quando,  forse tra un anno e mezzo le si riformera'  perfettamente il cuoio capelluto,  potranno farle un intervento di auto trapianto di capelli,  perché per quanto sperino per il meglio,  i suoi non ricresceranno mai più.
Mi auguro che cose di questo genere non succedano mai più,  è per questo che per quanto posso vorrei che la notizia ed il video delle Iene si diffonda.
Scusatemi se in alcuni punti sono stata troppo cruda, ma a volte per scuotere la gente c'è bisogno di qualche shock.
Grazie a chi avrà la pazienza di leggermi, di diffondere la notizia o il video delle Iene.
Non prendete alla leggera certi trattamenti, abbiate cura dei vostri capelli,  non vi affidate al primo che capita.
Se volete lasciare un commento è come sempre molto gradito, spero solo nessuna abbia mai vissuto un'esperienza del genere ed io stessa ho un'amica che ci è andata molto vicino, purtroppo.

giovedì 4 dicembre 2014

Cosmetici che cambiano nome

Più volte nel corso degli anni è  successo che dei prodotti cambiassero nome. Soprattutto in questi ultimi anni, in cui il mondo del makeup ha acquistato un'ampia fetta di pubblico sul web, abbiamo scoperto che prodotti che eravamo abituati a chiamare in un certo modo hanno cambiato nome.
Se torniamo indietro negli anni un esempio classico è il mascara.. mai sentito dire rimmel? Eh già ci sono ancora (poche) persone che lo chiamano così.
Negli ultimi tempi invece hanno cambiato nome in particolare due prodotti.
Se per caso siete tra le poche che si ostinano a dire fard, sappiate che tra non molto potrebbero non capire di cosa parlate,  adesso si dice blush (si pronuncia blash).
E l'altro è un prodotto da cui siamo invase soprattutto in questo periodo natalizio, in fondo, è sempre stato un classico regalare una trousse.  Una cosa??  Si chiama palette (pronunciato senza la e finale)
Non so bene perché avvengano questi cambiamenti,  che ci colgono impreparate e a cui dobbiamo adeguarci perché come si suol dire dobbiamo stare al passo con i tempi, sicuramente ci sono dietro strategie di marketing che servono ad ampliare la vendita di cosmetici,  un pò come quando inseriscono nuovi prodotti e devono colpire in qualche modo la nostra attenzione. L'esempio classico è quello del primer. Mai prima ci era stato proposto un prodotto che preparasse la pelle al trucco e a farlo durare più a lungo, adesso ogni marchio cosmetico ne ha almeno uno.
Si, i tempi cambiano,  speriamo in meglio. E voi cosa ne pensate? Già pronte a nuovi termini e nuovi prodotti?

lunedì 1 dicembre 2014

La piastra: alleata o nemica dei nostri capelli?

Un post dedicato a quella che è diventata per molte un alleata di bellezza irrinunciabile: la piastra per capelli.
 E' soprattutto in queste giornate piovose, umide, grige, in cui i capelli  non ne vogliono proprio sapere di stare in modo decente, che facciamo un uso a volte esagerato di questo strumento.  Si, perché se usata correttamente la piastra può esserci di grande aiuto, ma bisogna avere dei piccoli accorgimenti e non usarla troppo spesso.
Una cosa che ci tengo a precisare è che non è vero che le piastre per capelli più moderne,  fatte soprattutto in ceramica,  non fanno male ai capelli. Diciamo che rispetto a quelle di una volta fanno qualche danno in meno, ma non fanno di certo del bene ai capelli. Non mi azzardo a consigliarvi una piastra piuttosto che un'altra, nonostante,  io ne abbia comprata una che viene considerata tra le migliori.  Diciamo che si è trattato di uno sfizio che mi sono potuta togliere un paio di anni fa dopo averci riflettuto a lungo, e dopo aver letto diverse recensioni, ho comprato una piastra Ghd.


Posso dire in tutta onestà che mi ci trovo bene ed è sicuramente la migliore che ho usato fino ad ora ma non so se si possa affermare che è la migliore in assoluto.
Ad ogni modo, qualunque sia la piastra che usate, ci sono delle piccole attenzioni che dovete avere per il bene dei vostri capelli.
Spero che sia inutile dire che prima di usarla i capelli vanno asciugati molto bene,  purtroppo anni fa, diverse persone l'hanno utilizzata su capelli ancora bagnati sperando che la piastra facesse tutto da sola.
Negli ultimi tempi molte usano prodotti che vengono definiti termoprotettori, io non li uso, mi danno l'idea di andare a friggere i capelli.
Certo per chi ha capelli come i miei occorre prima una vera e propria messa in piega con spazzola e phon.

Chi li ha appena un pò mossi può limitarsi ad asciugarli bene e dare una veloce stiratina a phon.
Quello che faccio per non stressare troppo i capelli è non ripassare sulla stessa ciocca troppe volte, due è il numero massimo di passate da fare, e in generale non usare la piastra troppo spesso,  massimo uno o due volte a settimana.
Ovviamente accertatevi che non ci siano nodi nei capelli prima di piastrarli, l'ideale è spazzolarli prima.
Il metodo migliore per ottenere dei capelli lisci con la piastra prevede di dividere man mano le ciocche, che devono poi essere passate facendo pian piano scorrere un pettine,  seguito dalla piastra,  in questo modo restano liberi dai nodi e si stirano bene.


Se non siete molto pratiche nel maneggiare la piastra,  lasciate perdere, fatevi aiutare da qualcuno e non indugiate troppo.  Non fate passate troppo lente, se avete una piastra in cui potete regolare i gradi di calore,  non mettetela al massimo, di solito non ce n'è bisogno.
Dopo averla utilizzata lasciatela raffreddare e poi magari passate con un panno asciutto, per tenerla pulita ed eliminare,  se li usate,  residui di prodotti per capelli.
Spero di non essere stata troppo lunga e non avervi annoiate, o annoiati,  perché sempre più ragazzi usano la piastra.
Fatemi sapere la vostra opinione.  A presto.

lunedì 24 novembre 2014

Nashi Argan: shampoo, balsamo e olio

Da alcune settimane sto utilizzando queste minisize di prodotti Nashi Argan,  che venivano date in omaggio,  nel nuovo store di via Dante a Milano.

Devo premettere prima di dare il mio parere che ognuno, può per tipologia personale di capelli, trovarsi più o meno bene con dei prodotti e quello che scrivo è totalmente basato sulla mia esperienza.
Io ho i capelli ricci, che di conseguenza tendono al crespo e ad annodarsi, ma li porto quasi esclusivamente lisci, necessito quindi di prodotti che riescano ad ammorbidirli ed avevo molte aspettative verso questi prodotti contenenti olio di argan.
Va detto che l'olio di argan puro è vero toccasana per corpo e capelli e non è un prodotto economico,  quindi, mi ero già fatta l'idea che questi prodotti ne contenessero solo una percentuale,  in quanto non costosi, ma piuttosto accessibili.
Adesso passo all'esperienza che ho avuto usandoli. Il primo impatto è molto positivo perché il profumo che hanno è davvero gradevole.
Lo shampoo mi è piaciuto abbastanza,  non è aggressivo,  lava i capelli lasciandoli morbidi senza sporcarli, come mi è capitato con altri prodotti.
Il balsamo purtroppo non fa al mio caso, districa i capelli,  ma non abbastanza.  I miei poi, oltre ad essere ricci,  sono anche decolorati ed hanno bisogno di qualcosa di più, in questo non ha colpa Nashi Argan,  infatti,  uso sempre delle maschere che fanno molto di più di un semplice balsamo.
L'olio, purtroppo, non mi è piaciuto.  Come dicevo inizialmente,  mi ero già fatta l'idea che non fosse puro olio di argan,  ma non sono una che usa solo ecobio, vado oltre l'inci,  ma non mi ha conquistata.
L'ho utilizzato prima di asciugare i capelli,  anche perché in generale,  gli olii si assorbono meglio su capelli ancora, leggermente, bagnati. Diciamo che la piega non è stata difficoltosa ed era venuta discretamente bene, ma non dura. Non regge con questo clima, i capelli rimangono profumati ma non tengono il liscio, soprattutto,  se vi capita una giornata di pioggia.
Detto questo,  però,  devo dire che voglio ancora dare qualche possibilità a Nashi Argan,  sto al momento provando un altro prodotto che hanno lanciato da poco sul mercato e voglio cercare nella loro gamma di prodotti per capelli,  qualcosa che possa adattarsi di più a me.
Aspetto la vostra opinione.  Avete già provato i prodotti Nashi Argan?  O usate altri prodotti a base di argan,  il cosiddetto "oro del deserto"?

sabato 22 novembre 2014

Detergente viso Human + Kind con panno in microfibra


Sto cambiando alcuni prodotti nella mia routine di pulizia viso, sia al mattino che alla sera.
Un prodotto che ho inserito da qualche settimana e sto usando con costanza ogni mattina è questo detergente viso del marchio Human & Kind.


Era da tempo che desideravo provarlo, la cosa che mi faceva desistere dal comprarlo era il suo odore. Infatti, provando il tester da sephora mi sembrava avesse un forte odore di fieno, erba, o comunque qualcosa di molto naturale ed erboso.
Adesso posso dire di aver fatto bene a superare questa titubanza,  mai fermarsi solo alla profumazione di un prodotto.
Era ovvio che avesse un odore del genere trattandosi di un detergente con ingredienti naturali, ma in effetti,  va poi risciaquato e l'odore non da per niente fastidio, anzi, adesso mi sembra quasi di non sentirlo più.
Ha la consistenza di una crema e pulisce bene il viso soprattutto usato in abbinamento al suo panno in microfibra, presente nella confezione.
L'utilizzo è semplicissimo,  basta inumidire viso e collo con acqua,  massaggiare una dose di questa crema detergente, sciacquare bene e poi passare il panno in microfibra che assorbe ogni residuo di trucco ed impurità.
Non è un detergente che crea schiuma,  ma questo credo, sia garanzia di un prodotto non aggressivo ed eccessivamente lavante.
Il panno può poi essere lavato quotidianamente con acqua e sapone neutro,  e periodicamente,  in lavatrice.  Ad ogni modo da sephora si trovano in vendita confezioni con 2 panni in microfibra al costo di 7,00 euro; mentre  la confezione del detergente che comprende già un panno costa 15,00 euro.
Devo dire che si sente la differenza, la pelle risulta più liscia e pulita, il panno è morbidissimo e non irrita per niente, io lo passo anche sugli occhi(ovviamente non faccio lo stesso con il detergente) e non dà alcun fastidio.

martedì 18 novembre 2014

Burrocacao Labrosan Chokko latte

Questo sarà un post piuttosto breve perché le cose da dire su questo burrocacao sono poche, semplici ed essenziali. L'ho visto per caso al supermercato e dando un veloce sguardo all'inci mi è sembrato valido,  in più prometteva di profumare di cioccolato,  preso al volo per un costo che superava di poco un euro.

La consistenza è  ottima, idrata molto le labbra e non unge.
Devo dire che non sono una fissata con l'inci,  ma negli ultimi anni per i burrocacao ci tengo perché ho notato che quelli con inci non verde ci danno una parvenza di idratazione ma dopo un pò seccano le labbra e ci danno la sensazione di doverlo ripassare continuamente.


Vi avevo già consigliato dei burrocacao con un inci molto buono.
http://truccoeparrucco2014.blogspot.it/2014/04/burrocacao-legami.html
Il profumo è di latte e cioccolato, non disturba, intenso al punto giusto e soprattutto non colora le labbra.
Se voi ne avete altri da consigliare fate pure, i consigli sono sempre ben accetti.

venerdì 14 novembre 2014

Un regalino per voi

Dal momento che non posso ringraziarvi uno per uno, ho deciso di farlo simbolicamente dando la possibilità ad uno o una di voi di ricevere un piccolo regalo.
Bastano pochi piccoli gesti per essere scelti:
1) Essere follower del blog (basta un click)
2)Mettere mi piace su Facebook (altro click)
3) Condividere link del blog http://truccoeparrucco2014.blogspot.com o il link dell'evento sulla vostra pagina Facebook e se volete potete pubblicizzare questo piccolo giweaway sul vostro blog
4) Lasciare un commento in cui raccontate un episodio buffo inerente al tema "trucco e parrucco", che sia successo a voi o ad altri non importa.
Ovviamente lasciatemi un indirizzo email o una pagina Facebook su cui contattarvi in privato in caso foste i prescelti.
Ed ora vi mostro il regalo


Un piccolo burro corpo Bottega Verde in edizione limitata al profumo di cioccolato.  (e che profumo)

Campioncini Nashi Argan
Una bustina di shampoo,  una di balsamo ed un piccolo olio per capelli.

Campioncini di prodotti viso contenti creme viso, siero e contorno occhi alcuni a base di acido ialuronico

Una crema mani  e unghie Roger & Gallet al profumo d'arancia.
Spero che vi piacciano e che parteciperete in tanti.
Ps. Avete tempo fino alle ore 23.00 del giorno 13 dicembre per partecipare.
Ovviamente dovete essere maggiorenni e residenti in Italia.



mercoledì 12 novembre 2014

Sopracciglia maschili: chi ci pensa?

Noi donne siamo solite tenere molto al nostro sguardo,  quindi curiamo occhi, contorno occhi e di conseguenza sopracciglia.
 Possiamo avere modi diversi di portarle, possono differire di forma e colore, possiamo volerle più o meno sottili a seconda dei gusti e della nostra fisionomia, c'è anche chi decide di tatuarle, soprattutto quando sono molto rade. Ma non è in questo campo che mi voglio addentrare.. piuttosto vi siete mai chiesti come curano gli uomini le proprie sopracciglia?  Si, insomma, anche per loro non sono un elemento trascurabile.
L'importante è non eccedere, né nello spinzettamento estremo, né nel lasciarle completamente incolte.
Per quanto riguarda quelle incolte si può decidere di seguire, se vi piace, lo stile Elio.

Posto il caso, invece, che si decida di tenerle un minimo curate a chi si rivolgono i signori uomini? Non al barbiere. Magari a qualche estetista,  o anche a qualche parrucchiera.
Dal momento che le sopracciglia maschili sono comunque differenti da quelle femminili, anche dal punto di vista della consistenza del pelo, quali i metodi di epilazione da usare? C'è chi preferendo una cosa rapida opta per la cera.. io preferisco consigliare sempre le pinzette.
Lo strappo della cera su una zona così delicata come il contorno occhi potrebbe dare con il tempo problemi di cedimento della pelle e questo vale sia per gli uomini che per le donne.
Per quanto riguarda la forma da dare, mi terrei sempre su qualcosa il più naturale possibile, eliminando solo i peli che eccedono, senza assottigliare troppo, sono orribili quei ragazzi che le hanno più sottili e curate di una donna.
Un'ultima cosa da fare è dare una piccola accorciatina, dove serve,  perché spesso i maschietti hanno uno o due peletti che si allungano a formare delle piccole antennine, un piccolissimo zac e tornano a posto.
Mi piacerebbe conoscere il vostro parere, magari, se anche qualche uomo che segue il blog (e qualcuno c'è) vuole dire la sua opinione o esperienza,  mi farebbe molto piacere.

martedì 11 novembre 2014

Rossetto Pupa I'm

Il rossetto è forse un must nel trucco di ogni donna, uno dei prodotti di makeup a cui si rinuncia difficilmente.  Possiamo trovarlo in tantissimi colori e diverse texture,  ogni casa cosmetica ha i suoi rossetti icona.
Quello di cui voglio parlare oggi è un rossetto a marchio Pupa,  che sto amando in questi ultimi mesi.
Questa linea è stata lanciata sul mercato non da molto,  ma sta riscuotendo un buon successo grazie alla formulazione a lunga durata.  Si chiama I'm e vi mostro il mio preferito,  il numero 406


Non so se dalla foto il colore renda bene e non sono neanche molto brava nella descrizione dei colori, io lo definisco un rosso "ciliegioso". In quanto né troppo rosso, né troppo fucsia.
La texture è fantastica, morbida ma ferma, nel senso che non ve lo ritroverete in giro come fanno altri che si infilano in tutte le piegoline che incontrano.
Il costo non è una follia, può variara a seconda delle profumerie,  ma si aggira tra i 10,00 ed i 13,00€
Se non li avete ancora provati ve li consiglio,  se li conoscete  ditemi la vostra opinione e magari, qual'è il vostro preferito.

sabato 8 novembre 2014

Grandi aspettative: grandi delusioni. Fondotinta Mac

Non è mai piacevole quando si decide di investire in un prodotto che pensiamo sia valido perché, magari, di un marchio prestigioso e di conseguenza costoso, e questo delude le nostre aspettative.
Non sempre il costo elevato è sinonimo di maggiore qualità.
In questo post parlerò di un prodotto makeup che mi ha delusa tantissimo.
Si tratta di un fondotinta di Mac.
Mac è un marchio che produce trucchi professionali usati da quasi tutti i truccatori,  anche quelli televisivi, su personaggi dello spettacolo italiani ed internazionali.
Devo dire che adoro i loro rossetti in particolar modo quelli delle linee matt ed ero molto curiosa di provare un loro fondotinta, ne ho scelto uno compatto, della linea Studio Tech,  perché lo trovavo anche pratico per i ritocchi.

Lo avevo scelto in una tonalità un pò più scura della mia pelle, ma, l'effetto nel complesso mi piaceva e mi sono stupidamente ostinata ad usarlo fino alla fine nonostante mi abbia causato dei problemi che non  mi sarei mai aspettata.
Devo dire che la mia pelle non mi ha mai dato particolari problemi di acne o quant'altro,  ma questo fondotinta riusciva a farmi spuntare dei brufoli.  Sono certa che si trattasse di questo prodotto perché ho più volte smesso di usarlo e poi ripreso a farlo, constatando nei periodi in cui non lo usavo un miglioramento della mia pelle.
Quindi per esperienza personale non lo consiglierei ma se qualcuna lo ha provato mi farebbe piacere conoscere la sua esperienza,  magari non tutte hanno riscontrato questi problemi,  o forse si... Aspetto sempre i vostri commenti,  fatemi saper se avete esperienze deludenti da prodotti su cui avevate aspettative migliori.

mercoledì 5 novembre 2014

Prodotti non più prodotti

Questo post nasce con l'intento di diventare una rubrica. Pensavo di pubblicare, magari,  mensilmente un articolo in cui parlo di qualche prodotto molto apprezzato che non è più in commercio.
Sarà capitato anche a voi di trovarvi particolarmente bene con qualcosa che dopo un pò di tempo non avete più trovato nei negozi o a cui hanno cambiato formulazione,  oppure con un prodotto uscito in edizione limitata ma che speravate di ritrovare. Una cosa di questo tipo è successa non molto tempo fa alle affezionate consumatrici del profumo Aromatics Elixir di Clinique che dopo tanti anni ha cambiato fragranza senza che tra l'altro la cosa fosse comunicata alle commesse delle profumerie, che ignare, continuavano a venderlo come sempre,  ritrovandosi, poi alle prese con le lamentele delle clienti.
Per passare, invece,  ai prodotti che ho personalmente apprezzato e che non vendono più,  ve ne mostrerò due.
Il primo è questo blush di Pupa uscito qualche anno fa in un'edizione limitata ma che ancora spero si decidano a rifare e a mettere magari nella linea permanente.


Ha colore che credo stia bene davvero a tutte, un pesca rosato che fa effetto salute sulle guance in maniera molto naturale,   senza essere eccessivo, matt, non brillantinato ed ha anche un profumo un pò caramelloso che non disturba,  lo sto usando a periodi perché nel momento in cui finirà ci rimarrò malissimo.  È uno dei miei blush preferiti,  o forse, proprio il preferito.
Il secondo prodotto è questo comodissimo latte struccante di Sephora.

Comodo per il formato che consentiva di portarlo nel beauty in qualsiasi occasione.
E poi io che lo usavo la mattina per pulire il viso mi ci trovavo benissimo anche per la formulazione,  delicata ma efficace. Senza una particolare profumazione,  non mi ha mai irritato gli occhi e conteneva anche alcuni ingredienti naturali pur non trattandosi di un prodotto ecobio. Al momento da Sephora hanno altri struccanti simili, soprattutto nel formato,  ma non sono al pari di questo. (Ovviamente a mio parere).
Come sempre aspetto i vostri commenti,  mi farebbe piacere conoscere i prodotti che avete apprezzato e che non trovate più.  Fatemi sapere se vi piace il post e se l'idea di farne una rubrica periodica vi piace.

mercoledì 29 ottobre 2014

Mani in alto

Purtroppo ce lo avevano annunciato ed è arrivato, ormai il freddo ha raggiunto un pò tutte le regioni italiane e dovremo farcene una ragione,  quindi,  si ricomincia: mani fredde, raffreddore,  guanti,  mani da scaldare.. si, insomma,  concentriamoci sull'argomento mani.
Il freddo purtroppo ne è un grande nemico e ce le fa diventare secche, screpolate e a volte si formano dei veri e propri tagli che ce le fanno sanguinare, quindi ricorriamo all'uso di creme specifiche.
In questo post parlerò di due creme che mi piacciono molto,  una con inci bio, l'altra no.
Comincio da quella non bio pur trattandosi di una crema che si compra in farmacia,  non comedogena ed ipoallergenica.
Fa parte del marchio Avene, si chiama Cold Cream.

È a base di acqua termale,  come tutti i prodotti di questo marchio.
Per me è stata la crema "rivelazione" mi ha aiutata moltissimo negli inverni più freddi con mani davvero secche e screpolate, e lavorando con le mani spesso in acqua non sempre le asciugo come si dovrebbe ed il freddo non aiuta, le disidrata, le secca e diventano un disastro. Quindi la consiglio sempre perché è davvero ottima.
Quella ecobio è la crema mani nutriente e protettiva di Bioearth.

È  formulata con 80% di gel di aloe vera, poi oli di jojoba ed enotera e the verde.
Anche con questa mi trovo bene,  è nutriente, ha una profumazione delicata e soprattutto per chi tiene molto all'inci è ecocertificata.
Se devo dare un parere e scegliere tra le due,  per mia esperienza personale preferisco quella di Avene.
E voi quale crema mani usate? Mai provate queste?
Mi fa sempre piacere conoscere la vostra opinione.

sabato 25 ottobre 2014

Shatush: cosa è realmente

Una delle parole più usate ed abusate degli ultimi mesi:shatush.
Tantissime ragazze vi hanno ceduto, ma un'altissima percentuale è convinta di avere un effetto shatush nei capelli, quando in realtà sono pochi anche i parrucchieri  che sanno fare il vero shatush.  Si, insomma,  bisognerebbe tornare un pò alle origini e chiedersi dove è nato e cos'è questo famigerato shatush.
Io comincerei col dare a Cesare quel che è di Cesare  e dire che ad "inventare" lo shatush è stato Aldo Coppola,  guru dei parrucchieri, non solo italiani.
La vera tecnica dello shatush viene portata avanti direi da alcuni parrucchieri a marchio Coppola e pochissimi altri.
L'esecuzione viene fatta suddividendo i capelli in grosse ciocche che poi vengono cotonate e solo in seguito seguendo il verso naturale dei capelli si passa il decolorante pennellando alcuni punti e non altri, per un effetto più naturale possibile.
È anche molto scenografico da vedere, si rimane con questi grossi ciuffi di capelli cotonati, che puntano in alto in varie direzioni, qualcosa  che ricorda il cartone animato I Simpson.

Non è proprio l'immagine che avrei voluto mettere ma un pò rende l'idea.
Purtroppo adesso si tende a credere che qualsiasi schiaritura o ciocca colorata anche in modo strano sia shatush.  Direi proprio di no. E trovo sia un peccato quando si crea confusione e la gente comincia a credere di poter fare certe cose anche da sola senza andare da un professionista. E voi?  Avete fatto lo shatush?  O credevate di averlo?

giovedì 23 ottobre 2014

Prodotti maschili che piacciono anche alle donne

Ho pensato di fare questo post in parte perché ci sono anche degli uomini che seguono il mio blog e in  parte perché in previsione del Natale  ci ritroveremo a dover fare dei regali anche ai maschietti e se escludiamo l'abbigliamento quasi inevitabilmente ci ritroveremo a girare in profumeria.
Una delle cose che le donne scelgono basandosi sul proprio gusto personale è il profumo. Si, perché a meno che non si vada a colpo sicuro e si debba fare un regalo ad un uomo che non cambia mai la propria fragranza preferita, per il resto a noi donne piace "metterci il naso".
Devo dire che ascoltando diversi pareri femminili sono giunta alla conclusione che negli ultimi anni le fragranze maschili che piacciono di più sono soprattutto:
Acqua di Gio' di Giorgio Armani,
 Terre d'Hermes
 One Million di Paco Rabanne.
Per gli uomini un pochino più maturi e dai gusti piuttosto classici riesce ancora a farla da padrone Eau Sauvage di Dior, sarà che ne era testimonial Alain Delon?
Ovviamente si tratta di profumi conosciuti e facilmente reperibili ma ve ne voglio proporre uno che non so in quanti conoscerete,  si tratta di una fragranza di quelle cosiddette "di nicchia" che secondo me merita, soprattutto se vi piacciono i profumi con note agrumate, questo ha un buon sentore di limone e mi fa simpatia anche il nome. Si tratta del Din Dan di Lostmarc'h, personalmente l'ho sentito alla Rinascente di Milano, mi piace molto, non è sicuramente molto economico ma va considerato che si tratta di un profumo unisex quindi, magari, fareste un regalo anche a voi.

martedì 21 ottobre 2014

Capelli sciupati? Ricostruzione Hairmed

In questo periodo molte ragazze si stanno preoccupando per i loro capelli.
 Diciamo che per varie problematiche li vedono, sciupati,  spezzati, tendenti alla caduta.  Va detto che per gran parte delle persone è normale che proprio adesso ci sia una maggiore caduta dei capelli e non c'è da preoccuparsi.
Poi ci sono anche ragazze reduci da shatush o simili, che ora lamentano secchezza,  stopposita', capelli disidratati che si spezzano.
Un'altra causa di capelli fragili può essere la gravidanza, aspettare o avere avuto un bambino può cambiare oltre al corpo anche i capelli.
Non credo molto nell'uso di integratori alimentari,  ma mi è capitato diverso tempo fa di provarne uno che mi è sembrato valido.  È specifico per capelli ed unghie,  personalmente ne ho visto l'efficacia soprattutto per quanto riguarda le unghie,  si tratta di un integratore del marchio Phyto, si chiama Phytophanere è a base di ingredienti naturali come tutti i prodotti di questo marchio che si trova facilmente in farmacia o parafarmacia.
Per il resto bisogna  cercare di trattare con un pochino più di attenzioni i vostri capelli quando sono particolarmente fragili.
 Se potete evitate di legarli, o fatelo senza stringerli, li spezzereste ulteriormente.

Per quanto riguarda i prodotti da usare, quello che vorrei consigliarvi, non è uno shampoo,  né un trattamento in fiale,  e tantomeno una crema, ma un trattamento in tre fasi (lo so vorremmo sempre soluzioni rapidissime, ma quello che conta è l'efficacia,  quindi abbiate pazienza)

È un trattamento professionale del marchio Hairmed

-  step 1 è facile,  shampoo.


Per la precisione il bagno eudermico volumizzante B6

Quello che faccio  personalmente è fare la prima passata con un mio shampoo, che mi lasci la sensazione di cute pulita, poi utilizzo questo formulato a base di
 collagene e cheratina, (ingredienti base di tutto il trattamento), delicato e gradevole.

-step 2 
Dopo aver lavato i capelli,  si passa al fluido di ricostruzione R3, il cuore del trattamento,  quello che farà la differenza.



Viene consigliato di passarlo su lunghezze e punte a capelli  asciugati a phon, non completamente,  ma per il 70%.

Io vi dico quello che faccio personalmente,  tampono i capelli bene, bene, bene(se non si è capito sottolineo bene) passo su lunghezze e punte questo trattamento, ci si può aiutare mettendone una piccola quantità in un ciotolino distribuendolo su lunghezze e punte con un pennello, un pò come si fa per il colore, ma senza andare sulle radici; massaggio con le mani per farlo penetrare al meglio perché non va pettinato.
Poi, asciugo a phon, fidatevi, in salone andreste sotto al casco.

Nella prima parte dell' asciugatura vi sembreranno un pò appiccicosi, ma una volta ben asciutti, diventeranno piuttosto duri, lasciateli raffreddare due minuti,  sciacquate molto bene, e  passate allo
-step 3  la maschera essenziale N5.



L'utilizzo è come quello di altre maschere per capelli, vs applicata su lunghezze e punte, richiede solo 5 minuti di posa e come il fluido R3 ha un buon profumo di sciroppo di amarene.

 Pettinate e risciacquate i capelli,  vedrete la differenza ed anche la facilità con cui  metterete in piega i vostri capelli.

Potete trovare questi prodotti ed acquistarli direttamente dal sito Hairmed. Per avere dei risultati ottimali viene consigliato l'utilizzo ogni tre settimane,  durante le quali continuare il mantenimento usando il bagno eudermico e la maschera.

Se utilizzate già qualcosa di simile fatemelo sapere... spero di esservi stata utile.

domenica 19 ottobre 2014

Consigli per uomo

Che la pelle maschile sia differente da quella femminile è una cosa di facile intuibilita', ma gli uomini sapranno come trattarla? Si, insomma,  in particolar modo la pelle del loro viso subisce trattamenti,  non delicati, come la rasatura.
Sollecitare spesso la pelle con rasoi dovrebbe prevedere anche una cura maggiore che non si limiti al semplice uso di un dopobarba qualsiasi.
Capisco che quotidianamente  si possa avere poco tempo a disposizione,  ma almeno, una volta a settimana, andrebbe utilizzato uno scrub. Non so in quanti lo facciano, ma è un trattamento che aiuta molto nell'eliminare le cellule morte, rendere la pelle più uniforme e facilitare anche la rasatura.
Dopo andrebbe usato un prodotto che faccia tonico, anche un dopobarba, che quantomeno aiuti a rinchiudere i pori e poi una crema che idrati senza ungere.
Ovviamente non dispongo personalmente di questo tipo di prodotti ma so per esperienza altrui che Yves Roches aveva una linea viso uomo efficace, in cui c'era un prodotto con 3 funzioni in una. Ma magari qualche uomo che legge il mio blog, può consigliare qualcosa, condividere la sua esperienza,  avete un prodotto a cui non rinunciate mai?

sabato 18 ottobre 2014

Skincare routine

In questo post vi mostro i prodotti che uso abitualmente per la mia routine viso serale.
In primis l'olio di cocco.
Ormai non posso farne a meno per eliminare il makeup occhi, scioglie letteralmente ogni tipo di mascara, basta prelevarne una piccola quantità,  (che per chi non lo sapesse d'estate si presenta sotto forma di olio vero e proprio mentre con le temperature più rigide diventa solido di consistenza burrosa),  massaggiare, senza eccessivi sfregamenti, palpebre e ciglia vi ritroverete con due occhi tipo panda.  Al momento sto utilizzando questo del marchio khadi, ma credo che in seguito ne proverò altri.

Una volta ottenuto il panda style passo un dischetto di cotone imbevuto di acqua micellare sugli occhi,  poi con un altro passo a struccare il viso.
http://truccoeparrucco2014.blogspot.it/2014/08/confronto-tra-acque-micellari.html
Utilizzo i dischetti da entrambi i lati per eliminare al meglio il makeup,  poi sciacquo con acqua.
Senza una precisa scadenza  uso periodicamente il mio simil clarisonic che vi avevo mostrato in uno dei primi post.
http://truccoeparrucco2014.blogspot.it/2014/05/clarisonic-cinese.html
Un pochino di crema per il viso, al momento quella per la notte è questa.

Un campioncino trovato in una rivista qualche mese fa, non si sta comportando male, mi piaciucchia, forse la comprerò.
Il marchio è specchiasol, ha  un buon inci, per di più collabora con questa azienda Diego dalla Palma.
Questo è tutto per quanto riguarda me, voi invece che prodotti usate? Avete trovato la vostra routine ideale o siete in cerca di un prodotto adatto a voi? È sempre molto gradita la vostra esperienza,  magari mi consigliate un nuovo prodotto.
Vi aspetto.

giovedì 16 ottobre 2014

Grazieeeeeeeee

Un doveroso post di ringraziamento a tutti quelli che sono diventati miei follower,  a chi mi aiutato a migliorare questo blog, a chi mi ha supportata e sopportata in momenti di oh mio dio, oh mio dio.
Grazie ad uno per uno dei miei 100 follower,  un pò volontari, un pò portati qui trascinandoli per i capelli (per la messa in piega ho provveduto personalmente), grazie a Roxy Nail che ha dato a questo blog un nuovo aspetto, grazie ai miei amici e alle amiche che ancora mi sostengono e mi spronano ad andare avanti,  grazie anche a chi passa a dare solo un'occhiata,  siete sempre i benvenuti.

mercoledì 15 ottobre 2014

Collistar: Superconcentrato Notturno Anticellulite

Eccoci alle porte dell'inverno pronte ad indossare  nuovamente calze, maglioni, sciarpe, guanti, cappotti e tutto quello che serve per coprirci al meglio, ma non dimentichiamoci che sotto tutti quegli strati di lana, c'è un corpo di cui dobbiamo prenderci cura.
Quasi tutte arriviamo a settembre con tanti buoni propositi,  tra cui quello  di prenderci cura del nostro corpo con costanza,  per poi ritrovarci a inizio primavera a correre ai ripari.
Questo succede spesso quando dobbiamo usare gli anticellulite.
 C'è poco da fare,  tutte la odiamo, ma poi, in concreto, facciamo pochissimo.
Siccome molto spesso una delle scuse che usiamo è il poco tempo a disposizione,  volevo parlavi di un prodotto a rapido assorbimento.

Il superconcentrato notturno di Colistar.
Molto pratico da usare perché dotato di un contagocce che permette di prelevare il prodotto senza eccedere, la consistenza non in crema, ma più simile ad un siero lo fa assorbire subito, così da potersi  tranquillamente mettere in pigiama e andare a letto senza sporcarsi e  con una profumazione che trovo molto  gradevole.

Devo dire che personalmente non ho grossi problemi di cellulite,  più ritenzione idrica, direi, e questo prodotto mi piace molto.
Se per qualche giorno smetto di usarlo,  vedo la differenza, soprattutto perché quando lo uso mi accorgo che stimola molto la "plin plin",  il che può solo essere positivo.
Ovviamente non basta utilizzare solo dei cosmetici per risolvere problemi di ritenzione idrica o cellulite,  ma associati ad una buona dieta e ad un pò di movimento,  possono aiutare.
I prodotti Collistar sono certamente tra i più conosciuti,  voi lo avete già provato?  Avete qualche altro prodotto che usate con costanza?

lunedì 13 ottobre 2014

Noah: uno shampoo ecobio da Tigota' ?

Dopo aver dato qualche consiglio su come trattare i capelli,  forse, è ora che parli almeno di uno shampoo.
Questo in particolare è uno con cui mi sto trovando bene, e non è una cosa facile.
Ci sono in commercio tantissimi tipi di shampoo,  divisi a seconda dei tipi di capello, profumazione, ecc. Purtroppo, però,  la cosa difficile da trovare è uno shampoo che lavi bene i capelli.
Sembra un po un controsenso,  in quanto questa dovrebbe essere la funzione principale,  ma non sempre, le cose sono così scontate.
Ho diversi shampoo di cui parlare, ma parto da questo,  ultimo scoperto,  utilizzato varie volte, che prima di ogni altra cosa lava.
E non voglio dilungarmi su quanto sia importante la pulizia del cuoio capelluto, ma sta davvero alla base di ogni trattamento per i nostri capelli.
È uno shampoo del marchio Noah, purtroppo,  non è molto conosciuto,  ma lo si trova tranquillamente da Tigota' e di conseguenza direi anche  da Acqua e Sapone. Questa è la versione per cuoio capelluto tendende alla formazione di forfora o desquamazione; la profumazione non è delle migliori,  erbacea direi,  d'altra parte è a base di the verde e basilico.


I capelli rimangono puliti per diversi giorni e non dà quella fastidiosa sensazione di prurito che ci induce a grattarci come scimmie (esagero).
Una cosa che potrebbe interessare diverse ragazze è l'inci, e anche se non ne capisco molto, mi sembra buono.


Come sempre, ditemi la vostra opinione, lo conoscete? Pensate di provarlo? Avete uno shampoo con cui vi trovate bene? Se volete ditemi cosa deve avere uno shampoo per piacervi.

giovedì 9 ottobre 2014

Nuovo parrucchiere.. tagliamo un pochino???

Questo post nasce dalla disavventura capitata ad un'amica, ma purtroppo tante avranno avuto un'esperienza simile, entrare da un nuovo parrucchiere ed uscirne con i capelli rovinati.
È terribile,  ma può capitare,  purtroppo,  dipende sempre dalla serietà della persona che ci troviamo davanti il buon risultato dei nostri capelli.
Certo a volte anche un parrucchiere serio ed esperto può sbagliare,  ma possono esserci anche incomprensioni con la cliente.  La cosa fondamentale è capirsi. Se andiamo da un parrucchiere per la prima volta e gli chiediamo un taglio, cerchiamo di essere più chiare e precise possibile, spieghiamoci anche attraverso delle foto se necessario,  certo senza pretendere di avere il taglio di Charlize Theron e uscirne come lei.
Augurandoci di non finire nelle mani di un pazzo, diciamo che possiamo cercare di farci capire usando parole chiare e comprendendo il linguaggio a volte troppo tecnico dei parrucchieri.
Provo a fare alcuni esempi:
 1) Una spuntatina: cos'è una spuntatina?  Solitamente significa non modificare il taglio precedente ed eliminare le punte rovinate. Ma quando è troppo e quando è troppo poco? Non esitiamo a mostrare esattamente la lunghezza oltre cui non andare.
2)Li sfoltiamo un pochino? :  Ragazze se non conoscete il significato di questa parola e soprattutto se il vostro parrucchiere abituale non lo ha mai fatto dite di no. Tornare indietro potrebbe essere molto lungo. Vi ritrovereste con capelli sottili, impoveriti, ho visto persone con capelli già fini di natura, rovinate da manidiforbice incauti.
3)Li sfiliamo un pochino: Sembra la stessa parola del caso 2, ma ha tutt'altro significato e di conseguenza risultato. Fatevi chiarire bene cosa intendono fare. Possibilmente sfogliate prima delle riviste di tagli.
4) Pari.. o... dispari.. ehm Scalati: Beh direi che almeno sul significato di taglio pari non occorrono spiegazioni, ma quando decidiamo di scalare? Poco, molto.. faccia lei.. faccia lei? No, eh, chiarezza. Siate sempre chiare, volete una scalatura solo sulla parte alta e intorno al viso, o di tutta la lunghezza?  Siate decise non lasciatevi convincere se non siete sicure. Non dovete accontentare il parrucchiere,  i vostri capelli dovete portarli in giro voi, dovete conviverci e saperli gestire anche a casa.
Direi che per il momento mi fermo qui.
Spero davvero non capitino più queste brutte avventure.  Prendetevi cura di voi stesse e dei vostri capelli,  non cercate di risparmiare quando si tratta di cura dei capelli,  colore e taglio non sono da prendere con leggerezza.  Purtroppo il fiorire continuo di negozi cinesi sta facendo stragi, ho visto cose che mai avrei voluto vedere, sarà capitato anche a voi di vedere in giro capelli arancioni o rosso fuoco effetto fluo.. si salvi chi può.
Non fidatevi di offerte a prezzi stracciati, non fatevi convincere a fare cose nuove se non è il vostro parrucchiere abituale a proporvele.
Se vi va raccontami le vostre disavventure,  e perché no,  magari,  anche il lieto fine.. perché la cura e la pazienza ripagano .sempre.

giovedì 2 ottobre 2014

Novità Essence

Già visti i nuovi prodotti Essence?
Come ogni anno, periodicamente,  Essence elimina alcuni prodotti per inserirne dei nuovi nella linea permanente.
Proprio in questi giorni nei vari Oviesse, Coin, la Gardenia,  che hanno gli espositori del marchio, stanno arrivando i nuovi prodotti,  tra cui lucidalabbra,  matite occhi dai colori metallici, ombretti in crema, mascara ed eyeliner sia in versione lucida che matt.
Io per il momento sto provando questi 2 prodotti perché sono quelli che mi hanno incuriosita di più.

Il mascara volumizzante Lash Princess.
E l'eyeliner liquid ink, nella versione high shine.
Al momento sono pochissimi giorni che li provo, ma posso già dire che non mi dispiacciono. In particolar modo l'eyeliner è davvero nero ultra lucido, non si opacizza e resiste tutto il giorno. Io lo utilizzo sempre dopo aver messo un primer occhi, ma credo anche da solo non sia male. Mi riservo comunque di aggiungere ulteriori opinioni tra qualche giorno.

Non so se dalla foto si riesce a vedere bene la forma dello scovolino. Sottile, ma incurvato.
Non è male nemmeno questo mascara, il mio preferito rimane  I love extreme, quello nero con scritta fuxia, ma avevo voglia di cambiare e non sono rimasta delusa.
I prezzi Essence sono sempre ottimi.
L'eyeliner ricordo precisamente €3,19
Il mascara meno di€5,00
Li proverete? Fatemi sapere le vostre opinioni.

lunedì 29 settembre 2014

Crema corpo kiehl's

Potrei parlare di tante creme che ho provato, ma questa è davvero la crema corpo top.


È una crema che ha un prezzo poco accessibile, e dopo averla desiderata per diverso tempo,  l'ho chiesta come regalo di compleanno. Ormai la possiedo da più di un anno,  ma la alterno ad altre perché non vorrei mai che finisse.
Non so dire quanto l' inci sia bio, ma, ai primi posti contiene burro di karite' e di jojoba.
Il barattolo è di 226 gr ed il prezzo è 36 euro.
Se entrate in un negozio kiehl's e non avete intenzione di comprarla, non provatela, soprattutto,  non sniffatela, come piace fare a noi donne, può creare dipendenza.
Ha un profumo dolce ma che  rimane al tempo stesso delicato,  non eccessivo,  qualcosa che ricorda le mandorle, direi,  ma è da sentire perché non riesco a descriverlo bene quanto vorrei.
La consistenza è morbida e leggerissima, si assorbe subito e non unge.

La pelle è idratata, morbidissima e con questo profumo buonissimo, che fa bene anche all'umore.
Spero che kiehl's la produca anche in versione ridotta,  per poter rendere il prezzo più accessibile e dare la possibilità a più persone di provarla perché vale davvero la pena.
Si può acquistare nei negozi kiehl's o sul loro sito internet.
Quante la conoscono già?  E quante di voi hanno intenzione di provarla?  Qual'è la vostra crema corpo preferita?

giovedì 18 settembre 2014

È tempo di Scrub

Sarà dura rassegnarsi all'idea ma, ormai,  l'estate è finita siamo i a metà settembre,  si ricomincia la solita routine,  settimane che somigliano sempre più le une alle altre, tra lavoro,  mezzi pubblici e persone sempre più stressate.
Questo mese è per molte il momento in cui ci si pone degli obiettivi,  ci si ripromette di riprendere la forma fisica, smettere gli stravizi, dormire di più...
Insomma,  almeno a parole cerchiamo tutte di migliorarci... una delle cose che possiamo fare per il nostro benessere e per migliorare l'aspetto della nostra pelle è cominciare da uno scrub.
È uno dei trattamenti che amo di più.
Ho avuto modo di provare vari tipi di scrub e quelli di cui parlerò in questo post sono quelli che ho al momento.

Pochini, eh?
Diciamo che il mio obbiettivo è impegnarmi a finire questi prima di prenderne altri.
Partiamo dal primo.

Questo è ecobio.
È la Crema Levigante alla farina di mandorle di Fitocose.
Il vasetto contiene 100 ml di prodotto ed è indicato sia per il viso che per il corpo. I granuli si sono molto piccoli,  direi che ha un potere scrubbante medio, non è ne troppo leggero, ne troppo aggressivo,  il profumo è gradevole,  ovviamente,  sa di mandorle, ma in modo lieve, non fastidioso.
Direi di poterlo promuovere e consigliare a chi cerca un prodotto con buon inci, io l'ho usato soprattutto per il viso.
           Numero 2

Questo è lo scrub al melograno di Seacret: scrub agli oli e ai sali del mar morto.
L'inci non è ecobio, ma, contiene comunque molti ingredienti naturali.  Ci sono vari oli, quello di sesamo, quello di mandorle dolci,  olio di semi di lino e quello di rosa canina, uniti a questi sali del mar morto, all ' estratto di melograno
Ha una consistenza diversa rispetto a quello di fitocose, in quanto contenendo sali del mar morto, è come prelevare dei grani di sale grosso,  mescolati ai vari olietti, non è niente male.
Esfolia bene, ma non è aggressivo perché gli olii lasciano sulla pelle la giusta mobidezza che non ruchiede l'applicazione di crema subito dopo la doccia.
Anche questo è promosso, ma non è il mio preferito.
            Numero 3

Su questo potrei non dire niente.  Direi solo che è il più conosciuto,  il più recensito, amato, ambito (causa prezzo) degli scrub.
Il Talasso Scrub Collistar. Esiste da anni, ha un formato mega, di 700 ml di prodotto.  Una miscela di sali ed olii unica. Ha un profumo fresco e potente che mi aiuta a riprendermi nelle giornate dai risvegli difficili.  L'ho comprato mesi fa grazie ad una promozione nelle profumerie La Gardenia,  da loro a prezzo intero era 46€ l'ho trovato scontato del 50%. Solo 23 eurini.
            Numero 4


Scrub al sapone nero,  Lovea
Se non lo conoscete provatelo. È stata una rivelazione e la sensazione di pulito che lascia è unica. Per quanto ami gli esfolianti,  nessuno lava quanto questo.  Non lascia né olii, né unto, solo pelle pulita.  È al 100% naturale ed è un metodo di esfolazione orientale.  Non contiene granuli e la consistenza è simile a quella di una cera, appena aperta sembra proprio cera depilatoria. Non ha un buon odore, mi ricorda quello del sapone di Aleppo, ma questo è a base di olive nere.
Il metodo di applicazione è un pò particolare.  Bisogna prima fare una doccia ben calda (credo si rifacciano ai metodi degli hammam) poi sulla pelle ancora umida applicarlo e lasciarlo agire 3- 4 minuti,  e poi risciacquare usando un guanto esfoliante con movimenti circolari.
Non chiedetemi il prezzo.. 6- 7 euro credo. Comprato da Oviesse.
             Numero 5

Esfoliante alle mandorle de L'Occitane.
Lasciato volutamente per ultimo il mio preferito. Questa non è la prima confezione che compro, è ancora chiusa perché devo finire almeno un paio dei precedenti prima di cominciarne un altro.  La consistenza è quella di una pasta con microgranuli, esfolia senza aggredire la pelle, anzi, la nutre. Io amo usarla sulla pelle ancora asciutta perché quando ci si bagna si forma un latte profumato alle mandorle che anche se sciacquato lascia la pelle morbidissima.
Il prezzo è la nota dolente,  mi pare 38 euro per 200 ml di prodotto.  Ma in alcuni outlet ci sono i negozi L' Occitane, lì si può risparmiare un pochino.
Finito. E voi? Quale usate? Mai provato uno di questi?

mercoledì 17 settembre 2014

Illuminante Pupa edizione limitata Paris experience

Da qualche giorno è in profumeria questa nuova collezione Pupa, si chiama Paris experience ed è davvero tutta molto bella. Avevo visto delle foto prima dell'uscita e sapevo già che questo sarebbe stato il prodotto che mi avrebbe tentata di più.


È un illuminante bellissimo. Riesce a dare luce al viso in modo discreto,  non come quelli che contengono glitter.
Ha un colore dorato non esagerato. E poi mi piace anche la confezione, questo packaging compatto, con la parte superiore a specchio.

Era una tentazione,  quindi perché resistere?
Io non ce l'ho fatta,  e voi?
Ricordatevi che è in edizione limitata, forse la più bella di Pupa, perché proprio tutta merita di esser vista.
Ci sono due matite occhi di cui una blu che trovo davvero bellissima.
Dei nuovi ombretti in crema con colori davvero wow, poi pratici da dare anche quando si ha poco tempo e durano tutto il giorno.
Su tre rossetti trovo interessante quello nel colore intermedio, ma ho già qualcosa di simile.
E non parliamo degli smalti, sono quelli effetto gel, e che colori, blu, verde, viola.. assolutamente non banali ed adatti alla stagione in arrivo.











Maternatura crema viso lenitiva alla peonia

Bentornati o ben arrivati nel mio blog, vi scrivo questo articolo con molto piacere perché so che non sono l'unica ad aver apprezzato q...